1010426_10201281418574733_1499287564_n1012773_4871908670779_1453752724_n

 

Scarabattoli Fausto in sella a OUTLAW ARMOR conquista il terzo gradino del podio nella cat. 90 Km mentre Serena Fratini con Poucesa, cavalla di Laliscia Gianluca (organizzatore dell evento), si classifica al 39° posto con 80 partenti.

Tris degli Emirati Arabi Uniti nella Conero Endurance Cup, che si è conclusa nel pomeriggio di sabato 15 giugno, al villaggio internazionale di Marche Endurance Lifestyle 2013. Sul gradino più alto del podio della gara più prestigiosa, quella sui 120 chilometri, è stato Sheikh Hamdan bin Mohammed Al Maktoum, principe ereditario di Dubai, che in sella a Qhashmyr D’Hazel ha chiuso alla media di 21.728 km/h. Al secondo posto si è classificato Abdulla Ghanim Al Marri in sella a Wozzeck Al Thaal (media 21.727 km/h), mentre il terzo gradino del podio è stato appannaggio di Khalifa Ghanim Al Marri e Bac Dayyre (media 21.714 km/h). Primo degli italiani, su un lotto di 80 binomi di 10 nazioni e 4 continenti, Emanuele Fondi sesto Felicidad, binomio vincitore l’anno scorso della prova sui 120 chilometri della Conero Endurance Cup.

Gara di testa, quella del trio degli Emirati Arabi Uniti, con due cavalieri young riders alle spalle di Sheikh Hamdan, con il quale hanno condiviso praticamente tutta la gara, sviluppando una tattica in cui alla fine il ritmo ha fatto la differenza. “Sono particolarmente soddisfatto – ha commentato Sheikh Hamdan bin Mohammed Al Maktoum – per aver potuto dare il meglio di me in un percorso bellissimo, che mi ha permesso di conoscere luoghi straordinari a conferma che le Marche sono una regione splendida. Confermo l’impressione che avevo avuto lo scorso anno assieme a […]